Un affascinante percorso alla scoperta della Via degli Inca

La Tradizione Andina è stata suddivisa da Don Juan Nuñez del Prado – che è colui che l’ha recuperata e sistematizzata in un lavoro trentennale a fianco dei maestri indigeni – in tre moduli didattici: Phaña (il lato destro), Chaupi (il lato di mezzo), Lloque (il lato sinistro).

Phaña – Il lato destro

Gli insegnamenti impartiti in questo modulo furono trasmessi a Don Juan da Don Benito Qoriwaman, maestro indigeno della provincia di Wasau, a cento chilometri da Cuzco. Qui si apprendono pratiche che permettono di gestire la relazione della propria bolla energetica personale con le energie viventi che ci circondano. Si apprende ad entrare in contatto diretto con i principi fondamentali della Natura (Cielo e Terra), a gestire e trasformare le energie pesanti, a percepire e riconoscere le energie omologhe e complementari (maschili e femminili). Si impara a scambiare con altri il proprio potere personale e si viene iniziati al lignaggio andino da cui provengono questi insegnamenti. Qui si attiva il potere di Yachay ovvero la conoscenza diretta attraverso l’ esperienza, per questo il Phaña è considerato il lato mistico e strutturale dell’ insegnamento.

Chaupi – Il lato di mezzo

Gli insegnamenti contenuti in questo modulo furono trasmessi a Don Juan da Don Andres Espinoza, maestro indigeno della nazione Q’Ero, nell’ area di Cuzco. Qui si apprendono pratiche che permettono di gestire la propria energia rispetto a sé stessi e alle relazioni con gli altri. E’ il lato più direttamente collegato alla guarigione, che si ottiene attivando il potere di Munay, l’ Amore con Volontà. Si apprende come funziona la struttura energetica umana e come attivarla, a ripulire e guarire la propria storia personale e le proprie paure. Si imparano tecniche di armonizzazione delle relazioni sociali e si sperimentano cerchi di percezione e sviluppo dell’ energia del Munay e cerchi di guarigione attraverso tale energia.

Lloque – Il lato sinistro

Gli insegnamenti compresi in questo modulo furono trasmessi a Don Juan da Don Melchor Deza, maestro indigeno della provincia di Wasau. Qui si apprendono pratiche che permettono di gestire la propria energia interiore al fine di ottenere effetti concreti e trasformativi nella realtà che ci circonda. Si apprende ad attivare le potenzialità trasformative insite nell’essere umano muovendo energia attraverso la vista, la voce e il movimento. Per questo lo Lloque è considerato il lato magico-pratico della Tradizione, in cui si manifesta il proprio potere personale attivando il potere di Llankay, ovvero il potere dell’ Azione.

© Copyright Centro Olistico di Formazione Hilos - Centro Olistico | Discipline Bio-Naturali